đŸšĩ‍♂ī¸đŸšĩ‍♀ī¸ Grazie all'utilizzo del misuratore di potenza nel ciclismo, la metodologia dell'allenamento ad esso applicata, ha fatto un notevole balzo in avanti.
🍰🎂 Così oggi possiamo parlare di Sweet Spot, quella particolare "zona dolce" che, in realtà, di "sweet" ha poco o nulla! Ma è particolarmente utile per creare le basi di inizio stagione (ma non solo) utili al miglioramento ed al consolidamento della potenza di soglia funzionale - FTP.
đŸ•ĩī¸‍♀ī¸ Tutti sanno che all'aumentare dell'intensità si riduce il tempo d'applicazione dell'intensità stessa.
Il Dr. Andrew Coggan ha però approfondito meglio questo processo, osservando il punto di picco in cui la linea dell'effetto allenante incrocia quella della durata: tra il 76 ed il 105% della FTP.
Nel dettaglio: è poi giunto alla conclusione di come, tra l'88 ed il 94% esista una particolare zona in cui gli adattamenti mitocondriali (fulcro della "respirazione cellulare") e la capacità di stoccare il glicogeno fondamentale ai fini della prestazione, siano migliori.
â€ŧī¸ Sebbene l'intensità non sia quella di soglia, le Sweet Spot rappresentano un mezzo importante, da perseguire per raggiungere il miglioramento della prestazione ed utilizzare in maniera scientifica il proprio powermeter.
👍 Like se ti è piaciuto il post!
↩ī¸ Condividi e aggiungiti alla community Zetatraining, su Facebook o Instagram.
(Fonte: "Training and Racing With a Power Meter" - H.Allen, A.Coggan)